Home

Ultimo aggiornamento al sito: 11 agosto 2018

Pubblicati gli Atti del Convegno su “Educazione e Libertà”

Sono stati pubblicati in volume gli Atti del Convegno su “Educazione e Libertà” tenutosi a Castel Bolognese il 22 ottobre 2017, organizzato dalla Biblioteca Libertaria “Armando Borghi”, in collaborazione con l’Assemblea degli Anarchici Imolesi, la Biblioteca Comunale “Luigi Dal Pane” di Castel Bolognese e il Movimento di Cooperazione Educativa (MCE) – Gruppo Territoriale di Ravenna. Il libro, a cura di Andrea Papi, è stato stampato dalla Casa editrice “La Fiaccola” di Ragusa ed è in vendita al costo di Euro 12,00. Chi fosse interessato ad acquistarlo è invitato a rivolgersi all’editore:

Edizioni “La Fiaccola”, via Garibaldi 2 A – 97100 Ragusa

mail: info@sicilialibertaria.it  /  ccp 1025557768 Intestato ad Associazione Culturale Sicilia Punto L – Ragusa

Educazione e liberta_cop

 ► Scheda editoriale (quarta di copertina)   ► Indice


Pensiero e azione:
l’anarchismo come comunità militante e scelta di vita

Eduardo & Amedeo1
Sabato 15/09/2018 dalle ore 10,30
Ateneo degli Imperfetti, Via Bottenigo, 209 – Marghera-Venezia

Seminario organizzato dal Laboratorio Libertario/Ateneo degli Imperfetti di Marghera e dal Centro studi libertari/Archivio Giuseppe Pinelli di Milano a partire dalle riflessioni e dalle biografie militanti di Amedeo Bertolo e Eduardo Colombo.

Interventi di
  • Mimmo Pucciarelli (Lyon), Due biografie militanti tra anarchismo politico e anarchismo esistenziale
  • Marianne Enckell (Lausanne), Sono diventata adulta con loro…
  • Nico BertiLe ragioni del pensare anarchico
  • Tomás Ibáñez (Barcelona), Convergenze e divergenze nel pensiero di Amedeo Bertolo e Eduardo Colombo
dibattito aperto stimolato dai contributi di Heloisa Castellanos (Paris), Francesco CodelloPaolo FinziElis FraccaroMário Rui Pinto (Lisboa), Toni SentaClaudio Venza.

Parlano di noi

Pubblicata sul mensile  «R&D/Cult»(RavennaeDintorni) una pagina sulle biblioteche di Castel Bolognese, in cui è dato grande spazio all’esperienza della Biblioteca Libertaria “Armando Borghi”

► Elettra Stamboulis, Tra le “fragili carte” degli anarchici e la biblioteca dedicata a un socialista,  «R&D/Cult», n. 40, giugno 2018, p. 25.


A4 - SENTA CANDELA volantino

Locandina


Candela e Iero

Comunicato  stampa                                             ► Locandina

Slides  proiettate dai relatori durante l’incontro

Resoconto di Luciano Nicolini (“Cenerentola”, n. 214)


Giordana Garavini (1924-2018)

Con profondo dolore i soci della Cooperativa           Biblioteca Libertaria “Armando Borghi”
annunciano la morte, avvenuta il 16 marzo 2018 del  Presidente Onorario

Giordana Garavini

 

Giordana_01_primopiano

Nata a Milano nel 1924 in una famiglia di anarchici, aderì in giovanissima età agli ideali libertari a cui restò poi coerentemente fedele per tutta la vita. Cresciuta in Brasile, a Rio de Janeiro, dove i genitori erano emigrati per sfuggire alle persecuzioni fasciste, rientrò in Italia nel 1946, stabilendosi definitivamente a Castel Bolognese, città natale dei genitori. Militante della Federazione Anarchica Italiana fin dalla fondazione, contribuì nel 1973 alla rinascita della Biblioteca Libertaria e poi nel 1985 alla costituzione della  Cooperativa che la gestisce. Vice-presidente e poi Presidente della Cooperativa, a cui dedicò con passione per anni tantissime energie, lasciò ogni incarico nel 2014 per limiti di età e ragioni di salute, continuando fino alla fine a interessarsi della Biblioteca da semplice socia. Raro esempio di coerenza e di fedeltà agli ideali abbracciati in gioventù, lascia un vuoto incolmabile in chi l’ha conosciuta e le ha voluto bene.

Gli anarchici e i libertari esprimono il loro sincero e sofferto cordoglio ai due figli e agli altri familiari di Giordana, a cui si sentono vicini in questa triste circostanza.

► Gianpiero Landi, Ricordando Giordana Garavini, «Umanità Nova», a. 98, n. 12, 15 aprile 2018, p. 8 [ripubblicato anche, con il titolo Giordana Garavini, in «Cenerentola», a. 17, n. 212, maggio 2018, pp. 17-18]. [La Redazione] Giordana Garavini, «Seme Anarchico», a. 9, n. 31, giugno 2018, p. 12.


21 aprile 1968 – 21 aprile 2018

Cinquantesimo anniversario della morte di Armando Borghi

Armando Borghi 14

Il 21 aprile 1968 moriva a Roma, all’età di 86 anni, Armando Borghi. La Biblioteca Libertaria di Castel Bolognese, a lui intitolata, ricorderà la sua vita e la sua attività politica in occasione di un Convegno previsto per l’autunno del 2018. Ci limitiamo, per ora, a riprendere qui un breve testo pubblicato nella pagina Facebook del Comune di Castel Bolognese, città che al noto anarchico – nonché dirigente sindacale,  oratore, scrittore e giornalista – ha dato i natali e dove è sepolto: Comune di Castel Bolognese_Facebook_Borghi.


Pubblicata sulla rivista «A» la relazione presentata da Thea Venturelli al Convegno su “Educazione e Libertà”, tenutosi a Castel Bolognese il 22 ottobre 2017,  organizzato dalla BLAB:

► Thea Venturelli, I fiori delle comunarde, «A», a. 48, n. 424, aprile 2018, pp. 43-47.


 Giuseppe Pinelli: una storia soltanto nostra, una storia di tutti

Il Centro Studi Libertari di Milano sta lavorando ad un progetto di public history (nell’accezione di storia popolare, storia orale) dedicato a Giuseppe Pinelli, dal titolo “Giuseppe Pinelli: una storia soltanto nostra, una storia di tutti”, finalizzato alla creazione di un archivio digitale online liberamente consultabile che contenga tutti i materiali che ha raccolto e che raccoglierà, compresa una serie di testimonianze video di persone che hanno vissuto direttamente o indirettamente i fatti.

Per chi non ne fosse a conoscenza è possibile trovare qui un breve comunicato con la sintesi del progetto:
http://centrostudilibertari.it/sites/default/files/materiali/comunicato_pinelliunastoria_crowdfunding.pdf

E qui invece tutti i dettagli:
https://www.produzionidalbasso.com/project/giuseppe-pinelli-una-storia-soltanto-nostra-una-storia-di-tutti/

Per sostenere i costi del progetto e garantire lo svolgimento di un lavoro sistematico e rigoroso il CSL ha avviato una campagna di raccolta fondi straordinaria. Vi si chiede, se vi è possibile, di aderire alla campagna e di aiutare con una donazione, poiché si sta investendo molto in questo lavoro.
—————————————-
*Centro Studi Libertari / Archivio G. Pinelli*
via Jean Jaures 9, 20125 Milano
tel. 02 87 39 33 82
e-mail:  centrostudi[at]centrostudilibertari.it
http://www.centrostudilibertari.it

banner-crowdfunding-titolo


volantino IMOLA-1

 Storici 

► Maurizio Antonioli, Quante storie, intervista a cura di Franco Bertolucci, «A», a. 48, n. 423, marzo 2018.  (novità)


In evidenza (novità)

«Sempre!», Almanacco di “Guerra di Classe”, n. 1, 1° Maggio 1917

Sempre!_1917_cop


Catalogo Mostra “Il movimento anarchico a Castelbolognese (1870-1945)” [1984]

Mostra_cop

______________________________________________________________________

Imola dal ’68 al ’77. Movimenti e gruppi extraparlamentari di sinistra

Presentazione di Tesi Magistrale all’ASFAI – Imola, sabato 27 gennaio 2018 ore 17:30

Filippo Servadei_68 a Imola


► Massimo Ortalli, Leggere l’anarchismo 4, «A» (Milano), a. 47, n. 421, dicembre 2017.

leggere anarch_1_cop

___________________________________________________________________________

Convegno_Castel_Bolognese

Comunicato stampa                                            ► Locandina                                        ► Programma                     ►Pieghevole

Videoregistrazione del Convegno


Dossier_LBorghi_cop

Dossier Lamberto Borghi. Per una pedagogia libera, laica, libertaria,  a cura di G. Landi, «A», a. 47, n. 419, ottobre 2017, pp. 89-115 [un ricco dossier dedicato al “padre nobile” della pedagogia libertaria in Italia, con scritti di: Franco Cambi, Giovanna Carbonaro Gervasio, Francesco Codello, Goffredo Fofi, Grazia Honegger Fresco, Gianpiero Landi (e una intervista di Giampietro “Nico” Berti a L. Borghi)].


Archivio Homepage 2017


Archivio Homepage 2016 


Biblioteca Libertaria fondata nel 1916 a Castel Bolognese